Masterclass

bandiera_ing English Version 

LA DIMENSIONE TRANSCULTURALE DELLA MASCHERA
un possibile sincretismo tra la Commedia dell’Arte e la danza degli Orixa

condotto da Luca Gatta e Ana Auxiliadora Estrela

organizzato da Associazione Teatrale Aisthesis
sostenuto da Fondazione Campania dei Festival

10 -19 settembre 2017
Teatro Carlo Gesualdo
Piazza Castello, Avellino (AV)

candomble1983oleosobreteladecarybeinterna

Il concetto antropologico di ‘Altro nello sguardo dell’altro’ (Piergiorgio Giacchè), quello di ‘transcultura’ (Michail Epstein) e di struttura dialogica della forma letteraria (Michail Bachtin) sono stati incrociati, grazie alle diverse competenze espresse dall’Associazione Teatrale Aisthesis, per formulare un’idea progettuale in cui lo scambio culturale non è una semplice esperienza, per quanto felice, di conoscenza e integrazione, ma la base per la costruzione di una nuova cultura che nasca nell’incrocio delle culture. Fenomeni come la migrazione di massa e la globalizzazione e lo stesso post-colonialismo, se da un lato causano la perdita di identità culturale, sociale e religiosa, con il rischio dell’emarginazione o, all’opposto, dell’insorgere di dinamiche di fondamentalismo culturale, dall’altro producono, in maniera naturale, ibridazioni linguistiche e letterarie, dinamiche di collaborazione che, se ben coltivate, possono diventare il primo passo per l’evoluzione della civiltà europea. Se è naturale per un ragazzo cresciuto in una città africana ascoltare la musica proveniente dagli Stati Uniti, perché tramite internet ha accesso a un mercato globale, una volta sul territorio campano, può venire in contatto con una specificità culturale fatta di tradizioni folkloriche e letterarie, musicali e para-teatrali, che hanno molti punti di connessione con le radici tradizionali della cultura di provenienza dei migranti. La condivisione, poi, di un patrimonio letterario globale, che sia letto in chiave post-coloniale o meno, rende favorevole la condivisione e l’approfondimento di tematiche universali, che ciascuno può declinare all’interno del proprio lessico specifico o cercare un linguaggio comune. In presenza di un orizzonte culturale così stratificato è impossibile non sperimentare nuove forme artistiche.

Cos’è che accomuna Commedia dell’Arte e Danza degli Orixas, due forme espressive così lontane fra loro?

Da un lato, abbiamo un rituale di origine afro-brasiliana, dall’altro la forma di spettacolo che ha caratterizzato l’Europa moderna. Sicuramente entrambe queste forme narrano storie non di uomini ma di archetipi e sebbene il teatro sia una forma degradata del rituale è pur sempre un rito che si perpetra nella continua riproposizione del modello.

Ma ciò che accomuna le due tradizioni è sicuramente l’attore-performer che, in entrambi i casi, incarna dei principi attraverso l’uso di una tecnica raffinata, tali principi costituiscono gli strumenti dell’artigianato teatrale. Durante la masterclass saranno esplorati i territori comuni dell’attore e dell’attuante, la capacità dell’uno di veicolare il proprio personaggio, la capacità dell’altro di utilizzare il proprio archetipo come veicolo per arrivare a qualcosa di più sottile.

Oltre a Luca Gatta, regista e actor trainer che da più di dieci anni conduce un lavoro di ricerca sui possibili sincretismi tra le forme teatrali e le discipline performative afferenti a diverse tradizioni, a presentare un possibile sincretismo come Maestra c’è anche Ana Auxiliadora Estrela danzatrice di Bahia che ha fatto del dialogo interculturale la sua missione.


INFORMAZIONI GENERALI

La masterclass si svolgerà ad Avellino, presso il Teatro Carlo Gesualdo, dal 10 al 19 settembre 2017, per un totale di 70 h di formazione con i due Maestri secondo il seguente calendario:

10-13 settembre, h 10.00 – 14.00h 15.00 – 18.00 modulo di Commedia dell’Arte con Luca Gatta;
14-16 settembre, h 10.00 – 14.00 e h. 15.00 – 18.00 modulo di Danza degli Orixa con Ana Auxiliadora Estrela;
17-19 settembre, h 10.00 – 14.00 e h 15.00 – 18.00 sintesi delle due discipline con Luca Gatta.

Per consultare il programma dettagliato della masterclass clicca QUI.

Il corso è rivolto ad attori professionisti, allievi attori di scuole di teatro e attori amatoriali disposti a lavorare con il corpo, ed è riservato a un massimo di 25 allievi, di cui 10 posti sono riservati a 10 migranti residenti sul territorio di Avellino e provincia.

È consigliato abbigliamento comodo e disponibilità a lavorare a piedi nudi.

I partecipanti saranno selezionati tramite cv e lettera motivazionale, ad esclusione dei migranti che, grazie ai partner dell’Associazione Teatrale Aisthesis presenti sul territorio e che realizzano attività di inclusione sociale, saranno selezionati a monte tra i giovani migranti presenti sul territorio.


ISCRIZIONE

La Domanda di iscrizione 2017 debitamente compilata deve essere inviata via mail con allegato il CV e una lettera motivazionale, specificando come oggetto: “Iscrizione Masterclass 2017”

Il termine ultimo per le iscrizioni è il 7 settembre 2017.

La masterclass è gratuita. Vitto e alloggio sono a carico dei partecipanti.

Info e iscrizioni:
progetti@enkaipan.com | +39 339 62352 95