Luca Gatta

lucagatta
Luca Gatta – Direttore artistico della rassegna

Consegue nel 2005 la Laurea in Lettere Moderne, indirizzo arte musica e spettacolo presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II con una tesi dal titolo Su alcune strategie poetiche dell’Odin Teatret, per le cui ricerche si reca in Danimarca per intervistare i componenti della compagnia teatrale danese, e poi in Polonia presso il Grotowsky Institute per frequentare l’International School of Theatre Antropology diretta da Eugenio Barba. Già durante gli anni dell’Università partecipa in qualità di assistente al corso di Storia del Teatro e dello Spettacolo conducendo il seminario Sogno di una danza del pensiero, relativo alle opere di Antonin Artaud. Si occupa di regia teatrale sin dal 1997, anno in cui co-fonda ad Avellino la Cooperativa Teatro d’Europa e fa da aiuto regia per lo spettacolo Nel nome del padre e cura la regia dello spettacolo Don Gonzalo.
Fonda nel 2006 la Baal Teatro sas, e nel 2009 l’Associazione Teatrale Aisthesis. Dirige, e dal 2012 prende parte come attore, gli spettacoli: Cafè Safiya 2005, La nascita di Alboury 2007, Il vessillo di S. Egidio 2008, Le Disgrazie di Flavio 2009, Shadows in the fog 2009, I Racconti del Bosco Perduto 2010, La morte del ciliegio in fiore 2010, Southern Boulevard 2010, Arlechin a edel andà al par che vegne 2010, Come un giardino di pietre 2012, La banalità del male 2012, La fattura della cipolla 2012, I racconti di Kwaku Ananse 2012, la nuova versione de Le disgrazie di Flavio 2012, Spettacoli Corsari 2012, El romancero de Lazarillo 2013, Il racconto delle tre melarance 2013, Cunti di Sfessania 2013, La luce e l’ombra 2014, il recital Che il tormentato cor può ben sentir la doglia del morir 2014. Del 2015 sono le regie di Crudele d’Amor, La Repubblica di Utopia e Commedia in Tempo di Peste, ai quali si aggiunge nel 2016 la nuova versione di Cunti di Sfessania.
Tra la sua formazione si trovano le lezioni di chitarra classica e jazz di Antonello Paliotti, Tomaso Lama, Pietro Condorelli, i seminari di formazione attoriale di Torgeir Wethal, Roberta Carreri, Julia Varley, Frans Winther (Odin Teatret), il conseguimento del titolo di Istruttore di QI Cong terapeutico presso il Centro Studi Discipline Orientali di Montelupo Fiorentino (FI), seminari di drammaturgia teatrale e antropologia teatrale dei prof. De Marinis e Greco dell’Università di Napoli. Nel 2008 ha conseguito la certificazione UISP come insegnante di Danze Popolari. Nel settembre 2011 frequenta la XV edizione dell’Arlecchino Errante, tenuta da Claudia Contin Arlecchino e Ferruccio Merisi, con seminari di Yves Lebreton, Claire Heggen e Lucia Zaghet.
Nel 2010 ha tenuto una masterclass di Commedia dell’Arte all’interno del FITAG, Girona, in Spagna. Nel 2011 ha tenuto un workshop di Commedia dell’Arte per la compagnia Zhengzhou Yu Opera di Henan e ha frequentato il workshop tenuto dagli attori della compagnia Zhengzhou Yu Opera di Henan e dal Dr Chua Soo Pong sull’Opera Cinese.
Nel 2012 ha tenuto una dimostrazione di Commedia dell’Arte e in particolare sulla maschera di Pulcinella all’Unione Teatrale della Federazione Russa a Mosca, organizzata in collaborazione con il dipartimento di Arti Sceniche del governo russo e l’accademia teatrale GITIS, inoltre ha tenuto una masterclass sull’uso della Maschera nel teatro moderno russo e in quello italiano insieme a Alexandr Korucekov. Nel 2012 ha tenuto un masterclass di Commedia dell’Arte al festival di Teatro di Oujda in Marocco.
Ha curato la direzione artistica delle edizioni 2008 e 2009 del festival Il Pasto della Salamandra (Grottolella, AV).
Nel 2012 e nel 2013 è stato ideatore e direttore artistico di MasserItria Fest, festival di arte e cultura nella Valle d’Itria (Puglia) in cui ha partecipato anche come regista e attore portando in scena El romancero de Lazarillo, Cunti di Sfessania e Il racconto delle tre melarance.
Nel settembre 2014 e nel 2016 è stato direttore artistico de I Viaggi di Capitan Matamoros, rassegna di commedia dell’Arte nel centro storico di Napoli.
Nell’ottobre 2014 è stato direttore artistico della quarta edizione di Hara Fest, festival transculturale di Teatro Internazionale al quale hanno preso parte dalla Cina la Samnexia Yu Opera di Henan, dal Giappone la Maestra di Teatro Noh Monique Arnaud, il Teatro Tascabile di Bergamo e dell’Indonesia Enrico Massiroli, allievo del Maestro di danza topeng I Made Djimat.
Nel maggio 2015 è stato direttore artistico dell’evento Hara Fest meets Bali, durante il quale ha frequentato il workshop di teatro Tasku l’attore e la maschera, con il Maestro di danza balinese stile Topeng I MADE DJIMAT. È stato ideatore, organizzatore e relatore del seminario di studi eurasiani “L’altro nello sguardo dell’altro” organizzato durante l’evento Hara Fest meets Bali.
Da giugno 2015 è formatore teatrale e actor trainer per i nuovi allievi e componenti dell’Associazione Teatrale Aisthesis che frequentano il LICOS.